TECOFILA COLLA, UNA DISEGNATRICE E PITTRICE BOTANICA DELL’OTTOCENTO, IN PIEMONTE

13934776_1066016530112824_2710179182596579691_n

Inaugurazione della mostra:
TECOFILA COLLA, UNA DISEGNATRICE E PITTRICE BOTANICA DELLA PRIMA META’ DELL’OTTOCENTO, IN PIEMONTEA cura di Alessandro Bima, Centro Studi per la Storia del Libro
Coordinamento e logistica: Civico Museo Didattico di Scienze Naturali “Mario Strani”

Sabato 3 settembre 2016,
Ore 17.00

Sede: Villa Prever

La mostra prende lo spunto da un nucleo di acquarelli inediti della pittrice botanica Tecofila Colla, operante nella prima metà dell’Ottocento in stretta simbiosi con il padre, il botanico Luigi Colla (1766-1848), ed autrice della maggior parte dei disegni preparatori delle tavole che illustrano le sue opere. Questi disegni, tratti dal vero, raffigurano gli esemplari coltivati nel giardino botanico di Rivoli, e spesso sono piante esotiche provenienti da altri continenti. L’osservazione di alcune di queste tavole di Tecofila, non completate, permette di scoprire le varie fasi della creazione artistica della disegnatrice.

Agli acquarelli si affiancano le tavole originali a stampa di importanti opere del Colla, quali l’Herbarium Pedemontanum e le Plantes rariores in regionibus Chilensibus, e varie pubblicazioni di altri botanici del tempo: A. De Candolle, Re, G. G. Moris, A. de Jussieu, Bertoloni, Tenore. A queste opere si affiancano vari cataloghi di ditte torinesi dedite allora alla commercializzazione dei cosiddetti “vegetabili”, che evidenziano una buona cultura botanica e un diffuso amore per i giardini.

In occasione della mostra, il Museo collaborerà con l’Istituto Agrario di Osasco, esponendo una selezione di erbari preparati da alcuni studenti durante il periodo scolastico. Anche questi elaborati saranno presenti nella sede di Villa Prever, in modo che questi siano in dialogo sia con la mostra degli erbari di Francesco Della Beffa (inaugurata a dicembre 2015) sia con la nuova esposizione a cura di Alessandro Bima.

Sabato 3 settembre, alle 17.00, sarà anche possibile seguire un piccolo convegno e la conseguente visita guidata con la presentazione della figura dell’artista e la spiegazione delle tecniche di stampa litografiche e di incisione.

La mostra sarà accessibile al pubblico negli orari di apertura del museo (domenica 10.30 – 12.00 e 15.30 – 18.00) fino a Domenica 27 novembre 2016.

Per aperture speciali in altri orari o qualsiasi altra richiesta contattare:
Mail: fungifungi@gmail.com
Telefono: 334.25.16.039